Come rendere i tuoi Mix “In The Box” più Caldi e Analogici

mixer

Ormai chiunque può mixare la propria musica in digitale (In The Box), ma spesso si cercano quel calore e quel senso di realtà che solo un buon Mix Analogico può dare. In questa guida sveleremo qualche trucchetto su come dare ai propri Mix Digitali un retrogusto più “Analog”.

1. Gain Staging: Ragiona come se fossi davanti a una Console

Per avere un suono analogico bisogna ragionare come se si lavorasse in analogico. La prima cosa da capire è come il livello digitale (dBFS) si traduce in livello analogico (dB). La maggior parte dei banchi e delle varie apparecchiature analogiche sono tarate in maniera tale che 0VU equivale a valori digitali molto più bassi di quel che si crede: la norma si aggira sui -20dBFS. Questo significa che se si prende un segnale sinusoidale a -20dBFS, questo su un canale analogico dovrà essere tradotto in 0VU. Per capire bene questo concetto si consiglia di utilizzare sempre qualche plugin che simula un reale VU Meter, tarato al suddetto valore. Si vedrà subito che per stare lontani da un’eventuale distorsione del banco avremo il nostro Mix Bus che in digitale avrà un livello medio di -12dBFS. Salendo già verso -6dBFS ci ritroveremo il VU Meter incagliato sul valore massimo (generalmente +3dB): nessun mix fatto su nessuna console potrà suonare profondo e dinamico in tali condizioni. In conclusione, verificate sempre che ogni traccia, da quando viene registrata a quando viene processata, incluso il canale master, mantenga un livello medio massimo di -12dBFS (magari qualche picco su -6 dBFS sugli elementi più dinamici ci può stare, ma sempre meglio meno che più). All’inizio potrà sembrarvi un volume esageratamente basso, ma nessuno vi impedisce di alzare il volume dei vostri monitor e in ogni caso ci penseremo noi in fase di Mastering Online a darvi tutto il volume che volete 😉

vu-meter

2. Usa Plugins che Simulano il Suono Analogico

La tecnologia nel mondo dei plugin ha fatto passi da gigante e ormai è possibile emulare qualsiasi apparecchiatura in maniera abbastanza credibile. Funziona molto caricare su ogni canale qualche plugin che simula la console che più vi piace. Ad esempio tra i tanti c’è lo Waves NLS Channel che simula i canali degli storici banchi EMI, Neve o SSL permettendo di scegliere tra questi tre bellissimi colori. Altro trucco è quello di utilizzare invece dei classici equalizzatori e compressori stock (precisi ma molto sterili), i remake dei più blasonati outboard, come ad esempio l’Universal Audio 1176, il Teletronix LA-2A, il Pultec, l’API 550, ormai emulati in tutte le salse dalle varie case produttrici di plugins (Waves, Universal Audio, URS, ecc.). Il famoso produttore Tchad Blake (Tom Waits, Black Keys, Last Shadow Puppets, ecc.) afferma di lavorare ormai quasi sempre “in the box” e di utilizzare più plugin “analog-style” possibile proprio per rendere più caldi i suoi Mix Digitali.

3. Il Dono della Sintesi è Importante

Uno dei più grandi punti di forza del lavorare in digitale spesso è anche uno dei più grandi punti deboli se quello che si cerca è un suono analogico: l’innumerevole quantità di tracce che possiamo utilizzare. Quando si lavora in analogico abbiamo sempre un numero limitato di canali e un numero limitato di macchine da poter utilizzare (compressori, riverberi, delay) ed è per questo che spesso in analogico tutto quello che è superfluo, si scarta oppure si accorpa in una sola traccia. Spesso ci si deve adattare con un paio di riverberi/delay (al massimo) e in questo caso si usano in mandata per quasi tutti gli elementi, ma è proprio quello che dà compattezza e calore al Mix Analogicopiuttosto che avere tanti riverberi per tante tracce, tutti settati diversamente, è sempre meglio averne un paio, magari uno lungo e uno corto (Aux con send e return), che ricevono segnale da tutti gli elementi che necessitano di ambiente. Questo rende la spazialità del Mix molto più credibile e familiare se quello che si cerca è un suono classico. Stessa cosa per i compressori, provate ad usarne di meno, sempre in mandata, che lavorano su molteplici elementi, come ad esempio cassa e rullante non compressi che lavorano in parallelo con un compressore unico.

space echo

Se non sei soddisfatto dei tuoi mix puoi provare il nostro servizio di Mix Professionale.

Se sei soddisfatto del tuo Mix e vuoi portare la tua musica ad un altro livello, prova il nostro servizio di Mastering Online.

Contattaci per un preventivo: masteringonlineanalogico@gmail.com

 

Il nostro sito in Inglese: http://www.analogonlinemastering.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...